Menu

alessandria calcio allenatore

La Pro Vercelli rimane a quota 27, Serie C girone A, la classifica marcatori dopo 15 giornate, La designazione arbitrale di Alessandria-Pro Sesto, Giudice Sportivo: le decisioni che riguardano l'Alessandria (15/12/2020), Simone Corazza: “Non si deve abbassare la guardia con alcun avversario”, Alessandria-Pro Sesto, si giocherà il 20/12 alle 15 anziché alle 17.30, Alessandria Calcio, Gabriele Bellodi ai box per 40 giorni, Matteo Pisseri: “Juve U23 squadra più forte incontrata finora”, Dettagli, sfumature… Ma poi decidono sempre gli, Juventus U23, Lamberto Zauli: “Non bravi a sfruttare le occasioni”, Angelo Gregucci: “Complimenti ai miei, ma anche agli avversari”, Juventus U23-Alessandria 0-1, le pagelle dei grigi di Gregucci. [113] Questo storico abbinamento ha ispirato varie strategie di comunicazione e promozione: tra le più recenti, la nascita della mascotte ufficiale, Grison, nel 2014.[114]. Sono infine ricordati atleti giunti in Alessandria e considerati «bandiere» per la lunga militanza o per le felici esperienze vissute. Malgrado il cambio di allenatore a tre giornate dalla fine con l'ingaggio di Giuseppe Pillon, all'Alessandria non rimase che la disputa dei play-off per il secondo anno consecutivo. [138] Michele Borelli è invece il giocatore più presente in gare di Serie A (187 tra il 1929 e il 1936). Malgrado l'improvviso ripresentarsi di questioni economiche, una squadra vivace e ben condotta dal tecnico Maurizio Sarri andò ben oltre i pronostici, centrando il terzo posto finale del campionato 2010-2011, miglior risultato sportivo degli ultimi decenni, e la prima partecipazione ai play-off per la promozione in Serie B, poi persi al cospetto della Salernitana. Alessandria – Il mondo dello sport alessandrino perde un personaggio molto amato da generazioni di giovani calciatori. Nel gennaio 1995, dopo l'alluvione che aveva colpito la città pochi mesi prima, la capienza fu ridotta prima a 8 182 e poi a 7 694 posti; sulla base di norme introdotte negli ultimi anni, solo 5 827 di essi sono utilizzabili. Nella notte tra giovedì 9 e venerdì 10 aprile si è spento, all’età di 67 anni, Vincenzo Rolando, professore di ginnastica e allenatore di calcio per passione. Malgrado queste precocissime esperienze, per circa un decennio il foot-ball ad Alessandria ebbe un ruolo decisamente subalterno rispetto a quello di altre tradizionali discipline quali il canottaggio, il ciclismo e l'atletica. Su circa tremila votanti, oltre 900 scelsero Ballacci, che superò Sarri di oltre 600 preferenze. I piani furono dunque ridimensionati, ma il 6 ottobre 1929 l'Alessandria poté giocare la sua prima partita presso l'attuale stadio, inaugurato poi ufficialmente il 28 di quel mese in occasione del settimo anniversario dalla marcia su Roma.[38]. 11 Giugno 2019 - Cristiano Scazzola è il nuovo allenatore dell’Alessandria Calcio. Durante la guerra l'Alessandria parve ormai svuotata. Mostra tutte le informazioni personali dei giocatori, come ad esempio l'età, la nazionalità, i dettagli contrattuali e l'attuale valore di mercato. ... Ci sono un po’ di scaramucce per recuperare subito la sfera dalla porta, che si concludono con il rosso all’allenatore dei biancocrociati Modesto e il giallo a Borello. [1] Sono ricordati il petroliere Silvio Sacco, l'omonimo impresario edile Remo Sacco, l'imprenditore tessile Bruno Cavallo, la famiglia Calleri e il «re dei caschi» Gino Amisano. [139] Dopo aver debuttato in grigio, si laurearono campioni d'Italia negli anni Quaranta e Cinquanta Aristide Coscia, Virgilio Maroso, Mario Foglia, Francesco Rosetta e Bruno Garzena. Ha firmato un contratto fino a giugno 2021. Il periodico aveva voluto escludere da principio il coinvolgimento di una giuria tecnica; le classifiche risultavano tendere al recentismo: solo cinque personalità su trenta (e nessun allenatore) vantavano una militanza in grigio precedente al 1955, mentre tre calciatori erano in rosa contemporaneamente all'inchiesta. [124], Ad oggi il settore giovanile, denominato «Accademia Grigia», comprende la squadra partecipante al campionato nazionale Dante Berretti, l'Under-17, l'Under-16, l'Under-15, i Giovanissimi Regionali (due squadre), gli Esordienti, gli Esordienti a 9, i Pulcini a 7 e i Piccoli Amici. [88] L'era Veltroni si chiuse dopo un'unica stagione,[89] con il ritorno sotto l'egida di imprenditori locali, ma vicende giudiziarie portate in dote dall'ex proprietà relative al caso Scommessopoli costarono alla squadra la retrocessione a tavolino in Lega Pro Seconda Divisione.[90]. [75] Le ricche campagne acquisti condotte dalla famiglia ligure, con Carlo Regalia dirigente,[76] non diedero però risultati apprezzabili; dopo tre stagioni chiuse a ridosso della zona promozione, inasprite dalla delusione per la sconfitta nello spareggio per la Serie C1 perso al Braglia di Modena contro il Prato (1984-1985), i Calleri abbandonarono il progetto, trasferendosi alla Lazio assieme ai calciatori più talentuosi della rosa grigia. Se nei primi decenni di vita il club piemontese brillò per la sua manovra offensiva, in questo periodo si dimostrò invece ottimo interprete del catenaccio[60] ed ottenne in massima serie alcune non scontate salvezze, con largo anticipo, contrassegnate dal ritorno di due alessandrini, Tagnin e Giacomazzi, in Nazionale nel 1957[61] e dall'esordio in prima squadra, nel giugno 1959, del quindicenne Gianni Rivera, promosso a titolare per la stagione successiva:[62] dopo uno spettacolare gol segnato al Napoli, preceduto da un rapido slalom tra i difensori partenopei, l'allenatore e pigmalione Pedroni si mise a piangere. Un primo esperimento di tifoseria organizzata dell'Alessandria, il Gruppo Fedelissimi Grigi,[158] nato su suggerimento dell'allenatore ungherese Lajos Nems Kovács, risale al 1947; dell'anno successivo è la provocazione del tifoso che suscitò l'ira di Valentino Mazzola in Torino-Alessandria. [145], A partire dal debutto di Carlo Carcano, il 31 gennaio 1915, le occasioni in cui calciatori dell'Alessandria hanno vestito da titolari la maglia della Nazionale italiana maggiore in gare ufficiali sono 45,[27] da suddividere tra 10 giocatori: Baloncieri (20 presenze, 7 reti); Banchero I (2, 4); Bertolini, (6, 0); Brezzi (2, 0); Carcano (5, 1); Cattaneo (1, 1); Ferrari (1, 0); Gandini (6, 0); Rava (1, 0), Ticozzelli (1, 0). [170] Altri derby, meno celebrati e sentiti, sono quelli con altre squadre della provincia come Derthona, Novese, Acqui e Valenzana, e della zona del Piemonte Orientale, in particolare Novara (fu in occasione di uno scontro diretto contro gli azzurri che gli Ultras Grigi, nel 1974, realizzarono la loro prima coreografia) e Pro Vercelli; è accaduto anche che, in alcune occasioni, gruppi di tifosi grigi e delle Bianche Casacche si siano manifestati reciproca stima. Avvenimenti. La storia della Coppa Italia riscritta dalla squadra con il colore della maglia unico al mondo, Con il 2-1 alla Pro Vercelli, l'Alessandria si conferma squadra forte e ambiziosa/Rivivi il live e segui il dopopartita, Coppa Italia, Alessandria nella storia: 2-1 allo Spezia e semifinale con il Milan, Giovedì Alessandria si tinge di grigio: la squadra in piazza Marconi e in centro scatta la festa, Football Logos. Il ritorno in Serie A si aprì con l'improvvisa morte del presidente Giuseppe Moccagatta, cui fu intitolato lo stadio; nelle due stagioni successive l'Alessandria ottenne alcuni successi di prestigio, specialmente quando favorita dal campo di gioco pesante (nel 1947 sconfisse per 2-0 sia il Torino che la Juventus), ma nel complesso i risultati non furono particolarmente entusiasmanti. Tra i protagonisti in A vi furono Pedroni, Giacomazzi, l'argentino Tacchi e lo svizzero Vonlanthen; più avanti chiuse la carriera al Moccagatta Francisco Lojacono. La stagione 2017-2018, con Cristian Stellini in panchina, vede i grigi posizionati al quart'ultimo posto in classifica dopo i primi 15 turni di campionato. [2][123], Sono da citare poi i «difensivisti» Franco Pedroni, artefice del «catenaccissimo» che fruttò ai grigi la promozione e la permanenza in Serie A a fine anni Cinquanta,[60] Dino Ballacci e Renzo Melani, vincitore di un campionato di Serie C2 nel 1988-1989 (in quell'anno l'Alessandria, con 12 reti subite in 34 gare, vantò la miglior difesa di tutte le categorie professionistiche)[28] e poi dirigente. [23], Il metodo di lavoro che Smith, allievo di William Garbutt, applicò all'Alessandria presentava aspetti inediti per il calcio italiano dei primi decenni; introdusse allenamenti intensi e mirati, irrobustì il centrocampo arretrando due attaccanti per ispirare meglio la manovra offensiva ed insegnò un gioco corale basato su schemi e palla a terra[2]. Nel 1931-1932 (allenatore Stürmer) la squadra reagì ad un infortunio che troncò prematuramente la carriera di Gandini e, sospinta dalle 21 reti di Libero Marchina, terminò nuovamente il campionato in sesta posizione fissando, in 38, il proprio record di punti in A. In un'occasione anche l'allenatore, il quarantasettenne Baloncieri, scese in campo; la squadra cinerina chiuse ultima sul campo un girone composto da formazioni liguri e piemontesi, anche di terza serie.[50][51]. [93], Per quanto riguarda il massimo campionato, va ricordato che lo 0-10 subito dal Torino nel 1948 è la sconfitta più larga verificatasi in tutti i campionati a girone unico. Almanacco illustrato del calcio 1977. [26] Inoltre, nel campionato 1914-1915 mancò l'ammissione al girone finale per soli due punti. Si tratta di un ritorno per il tecnico 55enne che nel 2016 aveva guidato i grigi fino a quella indimenticabile semifinale di Coppa Italia contro il Milan. Quest'ultima, per forma, ricorda uno dei monumenti-simbolo di Alessandria, ovvero il settecentesco Arco di trionfo di piazza Giacomo Matteotti. Giuseppe Maurizio Fossati, da oltre dieci anni allenatore di formazioni calcistiche femminili, è stato squalificato per 9 mesi dalla Procura Federale a seguito delle accuse di frasi sessiste e molestie che sarebbero state rivolte nei confronti di alcune calciatrici della sua ex squadra, la Novese Calcio Femminile. L’incontro Carrarese- Alessandria, valevole per l’ottava giornata del campionato di Serie C, girone A, verrà trasmessa in diretta streaming sulla piattaforma Eleven Sport. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 27 dic 2020 alle 16:39. [69], La promozione tra i cadetti arrivò, finalmente, vincendo con quattro giornate d'anticipo la Serie C 1973-1974, con Dino Ballacci in panchina; la stagione si chiuse in maniera convulsa, con il clamoroso esonero dell'allenatore, in contrasto con la dirigenza, dopo che la decisiva gara di Mantova aveva sancito la vittoria matematica del campionato per l'Alessandria, e con le successive dimissioni del presidente Paolo Sacco, contestato dalla tifoseria. U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 Indirizzo: Via Bellini 5 - 15121 Alessandria Telefono: +39 0131 224750 Fax: +39 0131 224780 E-mail: [email protected] P.IVA 02008480069 Terza vittoria di fila per l’Alessandria ieri nel derby sul campo della Juventus U23 (campo che altri non è se non lo stesso ‘Moccagatta’, casa dei grigi, dove i bianconeri disputano le partite interne). Prese parte al Campionato Alta Italia 1944 tra molte difficoltà, riuscendo a fatica a radunare undici calciatori tra membri della vecchia rosa e militari di stanza in città (tra di essi, Virgilio Maroso). [171][172], Successivamente a quello con i tifosi del Genoa, gli Ultras Grigi hanno stretto gemellaggi con quelli di Trento (nel 1989)[173] e Viareggio (nel 1990). [146] Carcano fu anche vice-allenatore dell'Italia ai Mondiali del 1934. [160], Il gruppo "Ultras Grigi" si sciolse ufficialmente dopo la retrocessione in Serie C2 del 1998 e il nome riunisce oggi, convenzionalmente, un certo numero di distinte compagnie di tifosi (Fedelissimi 1947, Supporters '99, Gentaglia, Sezione Birre Vuote). [146], Tre calciatori hanno vinto con la Nazionale Universitaria il torneo calcistico delle Universiadi durante la militanza nei grigi: Gianni Califano (1997), Luca Mora e Roberto Sabato (2015).[148]. Arrigo Beltrami (a cura di). Intervista a Franco Ossola, Campionato della Federazione di Ginnastica Nazionale Italiana, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Unione_Sportiva_Alessandria_Calcio_1912&oldid=117560394, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, 11 aprile 1920 - Al termine della stagione, l', 1975 - La società cambia la denominazione in, 18 agosto 2003 - Il tribunale di Alessandria dichiara fallita l', 2004 - Il marchio e il titolo sportivo dell', stagione 2005-2006: Cassa di Risparmio di Alessandria, stagione 2010-2011: Alegas-Cassa di Risparmio di Alessandria. L'Unione Sportiva Alessandria Calcio 1912, meglio nota come Alessandria, è una società calcistica italiana con sede nella città di Alessandria. La dirigenza dell’Acqui Calcio 1911 annuncia l’ingresso del nuovo allenatore della Prima Squadra dei Bianchi. Gli auguri della Redazione di GrigiOnLine.com, Alessandria Calcio, da oggi comincia la sosta natalizia, Pergolettese, Luciano De Paola: "In campo ho visto solo la mia squadra", Angelo Gregucci: “Di questa partita prendiamo solo i tre punti”, Tre punti servono più di una bella prestazione. Archivio storico della «Stampa Questo il testo del comunicato diffuso dall'Ufficio Stampa del club grigio. " [37], Al termine della stagione 1928-1929 la squadra venne ammessa al primo campionato di Serie A (1929-1930). E' stato squalificato per nove mesi l'allenatore di calcio femminile Giuseppe Fossati, tecnico della prima squadra della Novese, nell'Alessandrino. [63] Sempre nella stessa annata, 1959-1960, l'Alessandria esordì in una competizione internazionale, affrontando il Velež di Mostar in Coppa Mitropa. [22] Con la vittoria del torneo, sancita dallo spareggio disputato a Novara contro la Vigor di Torino, la squadra cinerina ottenne immediatamente un posto nella prima categoria del Campionato Nazionale. Vuole dire che quello che fa la personalità dell'Alessandria è lo spirito di club, è la bontà della scuola, è l'intrinseca classe del gioco.». In 104 stagioni sportive a partire dall'incardinamento nel sistema della FIGC nel 1912 con un primo torneo di Promozione, l'Alessandria ha partecipato a 100 campionati nazionali. [98], La prima divisa dell'Alessandria, utilizzata per un breve periodo successivo alla nascita, era bianca ed azzurra, a tre grandi strisce verticali; la sua adozione, secondo quanto riportato da Antonio Fasano nel 1962, risale all'acquisto o al prestito di una dotazione di maglie usate dalla Vigor, squadra torinese attiva già dal 1908. [110] Il Guerin Sportivo, nel febbraio 2013, lo ha classificato 26º in una graduatoria comprendente i cento migliori stemmi del calcio mondiale. La sua fondazione si fa risalire tradizionalmente al 1912, tuttavia essa è da collegare all'attività della preesistente sezione calcistica della società Forza e Coraggio, d'incerta datazione. [163] Marcello Marcellini riporta invece che nel 1957, in occasione dello spareggio di San Siro per la promozione in A, i tifosi dell'Inter si unirono a quelli del Brescia, allenato dall'ex calciatore nerazzurro Fattori, mentre quelli del Milan scelsero di sostenere l'Alessandria dell'ex Pedroni. [44], Sette calciatori dell'Alessandria vantano inoltre presenze nella Nazionale B: Avalle (8, 2), Bertolini (3, 0); Busani (1, 0); Cattaneo (3, 2); Ferrari (1, 1); Milano (1, 1); Riccardi (1, 0). Alla ripresa dei campionati nazionali, la famiglia Moccagatta salì al vertice della società e gettò le basi per una risalita; per convertire definitivamente la squadra all'imperante sistema fu affiancato all'allenatore Cattaneo l'ex torinista Sperone, che aggregò Ellena e Cassano alla folta rappresentanza di elementi locali, tra cui un giovane Gino Armano. In occasione della prima giornata l'Alessandria calcò per la prima volta il terreno del Campo del Littorio, inaugurato ufficialmente il successivo 28 ottobre 1929;[38] all'esordio sul nuovo campo di gioco, il 6 ottobre, i grigi sconfissero la Roma. [21], Il Foot Ball Club Alessandria disputò le prime gare amichevoli in maglia biancazzurra per poi riacquisire la casacca grigia della Forza e Coraggio in occasione del campionato di Promozione del 1912-1913. L'Alessandria ha ufficializzato l'arrivo del nuovo tecnico: si tratta di Cristiano Scazzola, nell'ultima stagione alla guida del Cuneo. Il suo profondo legame coi Grigi e la sua lunga esperienza ci guideranno verso traguardi importanti ". Milita in Serie C, la terza divisione del campionato italiano. [56] In Serie C l'Alessandria disputò campionati di vertice, salvandosi nel 1952 da un riforma che abbatté di un quarto il numero delle partecipanti e ottenendo, nel successivo campionato a girone unico, il ritorno tra i cadetti. E il 2021 sarà spartiacque con Lotito, Il Corriere dello Sport: "Inter, summit mercato per lo scudetto. Nell'aprile 1920 il FBC si fuse con l'Unione Sportiva Alessandrina, altra squadra cittadina fondata nel 1916, divenendo Alessandria Unione Sportiva e mantenendo la maglia grigia. Nel 1897 vinse, nel capoluogo ligure, il "Concorso nazionale ginnico-Sezione gioco football"[6], il campionato nazionale di calcio organizzato dalla FGNI[7], con otto punti in classifica e venne premiata con la «corona di quercia». E lo fa cambiando il proprio allenatore: 16esimo posto, 12 punti, un grande passo indietro rispetto ai playoff dell'anno scorso, quando i grigi arrivarono secondi. Con iFrame è possibile inserire la panoramica-Transfermarkt della rosa di una società nel proprio sito web. Alessandria-Avellino 4-2 (dts; 1-0, 1-2, 0-0, 2-0). Anzi.». Il primo portale d'informazione dedicato all'Alessandria Calcio, Politica news: tutta la politica italiana 24h, Fabio Artico: “L’obiettivo è rimasto quello di inizio stagione...”, Natale 2020. [129], «Un'alluvione finisce anche così, con ventidue giocatori in braghette corte che entrano in campo. [126], In virtù di questa considerazione ha ispirato il film del regista Mario Camerini Gli eroi della domenica (1952), la cui trama ruota attorno alle vicende di una squadra provinciale intenta a preparare una gara di campionato decisiva per la salvezza,[127] e il romanzo del giornalista sportivo Fabio Caressa Scrivilo in cielo (2014), nel quale una giovane donna si ritrova alla presidenza della società al suo ritorno in Serie A, tra varie difficoltà economiche. Alessandria, diventa opinionista di calcio femminile allenatore accusato di insulti e frasi sessiste alle giocatrici di Carlotta Rocci Nella stagione 2015-2016 raggiunse la semifinale della Coppa Italia, eliminando in trasferta due formazioni di Serie A (Palermo e Genoa)[92][93] e due di Serie B (Pro Vercelli[94] e Spezia), diventando la prima formazione di terza serie in grado di raggiungere una fase così avanzata della competizione dopo trentadue anni.[95]. 10 luglio 1975: venne presentato il nuovo allenatore, l'ex terzino della Roma e dell'Italia Giacomo Losi. [54], Nei primi anni settanta, l'Alessandria fallì per tre volte consecutive la promozione in Serie B in modo rocambolesco, dopo scontri al vertice risolti a sfavore per pochi punti. Nella stagione successiva l'Alessandria sfiorò la conquista dello scudetto. Durante il periodo di permanenza tra i cadetti i grigi parteciparono a due edizioni della Coppa delle Alpi (1960 e 1962, nella quale raggiunsero le semifinali), torneo dedicato inizialmente a squadre europee delle serie minori. [121], L'Alessandria ha per lunghi anni attinto quasi esclusivamente dal suo settore giovanile, in coerenza coi principi della «scuola alessandrina». Anche a causa del frequente ricambio, l'Alessandria nei primi anni Trenta non ebbe altre aspirazioni che posizioni di centroclassifica;[45] nel 1936 raggiunse comunque, dopo aver battuto Cremonese, Modena, Lazio e Milan, la finale di Coppa Italia, giocata a Genova l'11 giugno 1936 e persa per 5-1 contro il Torino. Unione Sportiva Alessandria Calcio; Stagione 2002-2003; Allenatore: Dino Pagliari, poi Aurelio Andreazzoli, infine Carlo Soldo: All. Carrarese-Alessandria 0-2: 87' ammonito Andrea Luci : 84' Sostituzione: esce Stefano Scognamillo ed entra Gabriele Bellodi : 84' Sostituzione: esce Simone Corazza ed entra Riccardo Chiarello La presentazione del tecnico avverrà domenica, dopo la gara Alessandria-Olbia. La via alessandrina al... Moccagatta, Alessandria, il presidente Veltroni cede il passo ai professionisti alessandrini, Coppa Italia diretta Palermo-Alessandria 2-3: impresa Gregucci, Il ritorno dei grigi. [169], Rapporti controversi si hanno anche con i tifosi del Casale: le gare tra grigi e nerostellati (i derby della Provincia di Alessandria, che si giocano da oltre novant'anni), sono tra le più appassionate in Piemonte.

Palette Anastasia Beverly Hills Soft Glam, Sphynx Allevamento Toscana, Apm Selezione Personale, Onoranze Funebri Due Carrare, Direte Eolo Assistenza, Calcolare Punteggio Gps,

0 0 0 Plays
1 Star: Lame!2 Stars: Bleah3 Stars: Average4 Stars: Good5 Stars: Awesome! (No Ratings Yet)
Palette Anastasia Beverly Hills Soft Glam, Sphynx Allevamento Toscana, Apm Selezione Personale, Onoranze Funebri Due Carrare, Direte Eolo Assistenza, Calcolare Punteggio Gps, " />
Loading...

No comments

Lascia un commento

Top Played Games

Game don’t load?



Insert Coin